ENGLISH VERSIONVERSIONE ITALIANA

Colori e materiali caldi: ecco i nuovi trend dell’arredo bar

Versatilità, modularità, essenzialità: sono le parole d’ordine ormai imprescindibili quando ci si pone di fronte ad un progetto per arredare un bar. Al centro la capacità di rendere l’ambiente accogliente e, soprattutto, capace di rispondere alle esigenze di una clientela mutevole ed esigente al tempo stesso, che non si limita più a vivere il bar come luogo in cui consumare velocemente il proprio tempo, sorseggiando un caffè o una bibita fresca. A confermare quelli che sono i nuovi trend in tema di arredamento bar è l’architetto avellinese Marietta Giordano, che per Picariello Arredo Design ha firmato numerosi progetti di architetture che hanno fatto immediatamente tendenza, ad Avellino come a Capri. “L’esperienza ci dice che i bar non vengono più intesi alla vecchia maniera, quando bastava una vetrina per l’esposizione dei prodotti ed un banco. Oggi il bar viene declinato come un posto in cui intrattenersi e svolgere più attività. Basti pensare all’abitudine, sempre più in voga, degli aperitivi o dei brunch, in open space utilizzati a 360°, sia per un pasto veloce che, perché no, per una riunione di lavoro”. Tecnologia e innovazione entrano prepotentemente nella nuova visione con l’obiettivo di trasmettere funzionalità, senza perdere d’occhio comodità ed accoglienza. “C’è un’attenzione particolare ai materiali da utilizzare – assicura l’architetto Giordano -, materiali innovativi, quali ad esempio i metalli di nuova generazione con finiture diverse da quelle tradizionalmente intese, che trasmettono sensazioni materiche e calde; ma registriamo anche un ritorno al legno: dal passato e dalla memoria arrivano elementi e materiali che consentono di rendere gli ambienti più caldi e domestici, dopo anni in cui a farla da padrone sono stati materiali e ambientazioni minimale e talvolta fredde. Anche in tema di colori si registra un ritorno ai colori della terra, decisamente più consoni a creare ambientazioni più familiari, in grado di accogliere al meglio il cliente”. Molta importanza va data anche all’illuminazione, che consente di differenziare, nei diversi momenti della giornata e in base all’utilizzo degli spazi, le atmosfere e le ambientazioni a seconda delle esigenze. Un cambio di impostazione, quello che si registra sotto il profilo architettonico, che è diretta conseguenza della nuova concezione che si ha del bar. “Il bar non è più inteso come il posto in cui andare semplicemente a fare colazione, ma si comincia a pensare alle colazioni all’americana, al brunch, in linea con quanto avviene in altre città d’Europa. Registriamo un cambio di mentalità e dunque il bar diventa sempre più un ambiente da vivere per riunioni di lavoro o per un pranzo veloce, nuove frontiere a cui occorre adeguarsi per non essere tagliati fuori da un mercato sempre più in evoluzione”.

Share Tweet Pin it