ENGLISH VERSIONVERSIONE ITALIANA

La Cucina Zanussi dell’Oasis realizzata da Picariello Arredo Design 16 anni fa merita la stella.

 

La fortuna di un ristorante stellato? Le attrezzature professionali di qualità.

Parola di Puccio Fischetti.

 

Se a dirlo è lui, ci possiamo credere. Una voce più che autorevole nel mondo della ristorazione a livello nazionale, Puccio Fischetti, uno dei fratelli Fischetti, proprietari del ristorante stellato “Oasis” a Vallesaccarda, uno dei fiori all’occhiello, con una stella Michelin, più che meritata. La storia e il successo dell’Oasis sono, soprattutto, una questione di famiglia. Puccio (responsabile eventi), Carmine (responsabile amministrativo) e Nicola (responsabile cantina) sono i responsabili della sala.  Maria e Michelina (chef) guidano la cucina e Serena Falco, la figlia di Maria è la giovane, ma promettente, pasticciera. La cucina punta sulla riscoperta e valorizzazione dei piatti del territorio, elevati all’ennesima potenza qualitativa possibile, grazie ad una ricerca e selezione maniacale di eccellenti materie prime quasi a chilometro zero. Una cucina, che non teme concorrenza di qualità, tra tradizione e innovazione, eccellente nei sapori e nei dettagli.

Puccio, quale il segreto  della vostra eccellenza a tavola?

Le attrezzature professionali. Senza certe attrezzature, tante cose non potrebbero avere la qualità che hanno.

Qualche esempio?

A cominciare dai primi: il cuocipasta è fondamentale per il punto cottura di alcune tipologie di pasta. E, anche per i secondi, la cottura a bassa temperatura, ad esempio, è indispensabile per garantire certe tenerezze di agnelli e maialini, cotti appunto a bassa temperatura. E aggiungerei, come si potrebbero ottenere certe creme e certe mousse in cucina senza un ottimo pacojet e certe gratinature senza la salamandra, un’attrezzatura fondamentale.

E la pasticceria, che ormai è diventata parte integrante  nelle cucine dei ristoranti.

La pasticceria è un lavoro di precisione, basta sbagliare di un minuto e si sbaglia il risultato. Fondamentale il sottovuoto, così come per la cucina e il forno multifunzione. Così come certi impasti e certe deliziose emulsioni, nemmeno il miglior pasticciere al mondo potrebbe ottenerle senza un mixer professionale e senza un robot per pasticceria.

Senza sminuire l’arte culinaria dei grandi chef. Quanto le attrezzature fanno di uno chef, un grande chef?

Moltissimo, direi quasi del tutto. Non si tratta di sminuire, ma è un dato di fatto. L’attrezzatura professionale di qualità consente evoluzioni ed esperimenti gastronomici. Così come, c’è da dire che ci vuole un grande chef per utilizzare al meglio le attrezzature professionali.

La vostra cucina Zanussi, firmata Picariello Arredo Design quanti anni ha?

16 anni

E sono stati 16 anni di…

Di grandi risultati

Anche grazie a queste attrezzature?

Direi proprio di sì.

E prima di questa cucina?

Una cucina in muratura, realizzata sempre dall’azienda Picariello, dal suo fondatore in persona, Carlo Picariello.

Correva l’anno…

1988

30 anni fa?

Sì, quest’anno, la nostra azienda compie 30 anni.

60 anni di Picariello e 30 anni di Oasis, di cui i vostri tutti con la Picariello.

Sì, e per il futuro. E’ un’azienda serissima, affidabile, precisa, professionale sia nella consulenza, che nelle forniture e nell’assistenza, non la cambieremmo per alcun motivo.

16 anni per una cucina sono parecchi. Intanto la tecnologia si è evoluta e ci sono attrezzature molto più avanzate. Sarà ora di pensare di cambiarla?

Ci pensiamo. Questa ci ha portato fortuna.

picariello_Cucina_Zanussi

picariello_Cucina_Zanussi2

Share Tweet Pin it